Giovedý 18 febbraio 2010

Costacciaro

Il ritorno degli sciatori

Costacciaro - L'ottimo innevamento, registratosi sul massiccio del Monte Cucco nelle ultime due settimane, unito al massimo impegno profuso dal Comune e dall'UniversitÓ degli Uomini Originari di Costacciaro, ha permesso di battere adeguatamente e riaprire al pubblico le locali piste di scii da fondo di Pian delle Macinare. I due storici enti costacciaroli, infatti, hanno messo in azione una straordinaria macchina organizzativa, garantendo, rispettivamente, la perfetta praticabilitÓ della strada comunale di collegamento tra Costacciaro e Pian delle Macinare ed una preparazione e manutenzione delle piste di scii nordico efficace ed accurata, grazie all'acquisizione ed all'impiego d'un moderno battipista professionale. Tutto ci˛ ha potuto concretizzarsi, per˛, grazie, anche e soprattutto, ad un'iniziativa congiuntamente promossa, portata avanti e realizzata da Provincia di Perugia e ComunitÓ montana "Umbria Nord". I risultati pratici di queste plurime sinergie istituzionali non si sono fatti attendere, con l'arrivo di molti appassionati cultori della disciplina sportiva. Due fra i percorsi pi¨ interessanti sono: l'anello-scuola del triangolare Prato delle Macinare, lungo mezzo chilometro e quello, maggiormente impegnativo ma senz'altro pi¨ esaltante per gli esperti, detto de "La Fragolosa", di quasi nove chilometri di lunghezza. Riaperta, inoltre, con rinnovata gestione, anche la fondamentale base logistica, d'appoggio, informazione e ristoro, del rifugio "Mainardi" delle Macinare, l'omonimo centro sciistico. Come dice il sindaco Rosella Bellucci "Ŕ tornato ad essere punto di riferimento regionale per la pratica del fondo".

Euro Puletti